Milano porte aperte agli amici a quattro zampe

Vivere la città senza rinunciare ai propri animali domestici

Aree verdi, bar, cascine, parchi - le vedete le piccole impronte intorno alla città? Sono quelle degli animali domestici dei milanesi. L’Eurispes dice che più della metà dei cittadini possiede un amico a quattro zampe. Molti sono facilmente gestibili in appartamento, alcuni hanno bisogno dell’aria aperta o dei prati verdi dove scorrazzare.

 

E così Milano, circa una decina di anni fa, ha iniziato ad aprire tutte le porte agli animali, a rendersi accessibile. Lo ricordiamo quasi come un movimento di massa, quello che coinvolse i negozianti: via i cartellini “io non posso entrare” appesi alle porte a vetri delle botteghe a favore invece delle ciotole poggiate appena fuori dall’entrata, con un po’ d’acqua per abbeverare i piccoli amici a quattro zampe. Cambiò la mentalità in un batter d’occhio e le aree verdi meneghine moltiplicarono gli spazi dedicati ai cani. Oggi, quasi tutti i parchi della città dispongono di un’area cani (consultabili a questa pagina online del Comune di Milano). I chioschi, essendo all’aperto, accolgono invece da sempre qualsiasi razza canina.

 

I bar, alcuni con soddisfazione, hanno accolto l’idea di poter ammettere i padroni con gli amici a quattro zampe a seguito. Anche i ristoranti non chiudono più le porte ai migliori amici dell’uomo: addirittura gli stellati non fanno più storie, perché l’animale fa parte della famiglia, e Milano non esclude nessuno. Per consultare un elenco delle iniziative legate alla Milano Pet Week e all'accessibilità dei ristoranti per gli amici pelosi, clicca qui!