Ulteriori novità dal 1 giugno per l’attività sportiva negli impianti, centri e siti sportivi.

Dopo il lockdown,  la ripartenza del 4 maggio e l'ulteriore passo in avanti del 18 maggio, una nuova possibilità  per tornare a vivere i luoghi in una nuova quotidianità. 

E' di nuovo possibile fare attività fisica seguendo regole fissate; qui trovi le indicazioni e qualche suggerimento.

Tra le nostre proposte,  per chi voglia fare esercizio fisico all'aria aperta, c’è il Parco dell'Idroscalo dove è possibile svolgere attività motoria e sportiva, libera o su prenotazione, garantendo il distanziamento richiesto.

Tra le attività libere che è possibile praticare:

  • utilizzare l'anello lungo lago di 6 km per trekking e running, bici, skatebord, roller e monopattini (tutti i mezzi devono circolare a velocità moderata - max 10 km/h) 
  • attività ludica e ricreativa anche presso le aree attrezzate per il gioco dei bambini del Villaggio del Bambino
  • sdraiarsi nei prati per prendere il sole
  • la pesca sportiva da riva per i tesserati  F.I.P.S.A.S , rispettando il distanziamento di 2 metri
  • dal 1 giugno nuoto nelle diverse  piscine del Parco
  • da sabato 6 giugno riparte anche la balneazione in Riviera est. 

Tra le attività da prenotare:

Attività fisica presso Centri Sportivi Milanosport

Da lunedì 1 giugno riapriranno per il tennis i Centri Saini e Cambini Fossati, che si aggiungeranno a quelli di Washington e Lido e  le piscine, Cozzi, Carella Cantù, Murat, Procida Saini, inizialmente solo per il nuoto libero. Per l’acquisto on line dei biglietti per le piscine, clicca qui

Cosa è possibile fare nei parchi e nei centri sportivi ?

L’accesso del pubblico ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici è condizionato al rigoroso rispetto di queste regole:

  • anche nei Parchi vanno adottate tutte le misure precauzionali per proteggere se stessi e gli altri dal contagio, utilizzando la mascherina a copertura di naso e bocca e provvedendo all'igiene delle mani. Non sono soggetti a obbligo di mascherina i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti (ordinanza regionale n. 537 art. 1.1)
  • divieto assoluto di assembramento di più di 2 persone
  • è possibile svolgere attività sportiva all’aria aperta solo individualmente, a meno che non si tratti di persone conviventi o di accompagnatore per i minori o persone non completamente autosufficienti, nel rispetto della distanza interpersonale di due metri
  • deve essere mantenuta la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro per l'attività motoria (passeggiate, ginnastica) e due metri per quella sportiva (running). Durante la corsa individuale la mascherina può non essere indossata a patto di mantenere la distanza di almeno 2 metri dalle altre persone. La mascherina deve essere comunque sempre tenuta con sé ed indossata prima e dopo la corsa
  • ai parchi si può accedere a piedi, in bicicletta, con i pattini a rotelle, con il monopattino o con qualunque altro analogo mezzo di locomozione, nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento del Verde e delle distanze di sicurezza
  • per mantenere il distanziamento di un metro, sulle panchine potrà sedersi una persona per ogni estremità, lasciando libero il posto in mezzo
  • è vietato svolgere attività ludica e ricreativa di gruppo (es. gioco delle bocce, partite di calcetto, di basket o gioco della palla)
  • ai bambini è concesso portare con sé al parco piccoli oggetti da usare con l’adulto che li accompagna (palla, freesbee e simili). E’ obbligatorio per tutti mantenere il distanziamento indicato ed è chiesto a ciascuno di allontanarsi dai luoghi e dai contesti ove siano presenti altre persone: sono severamente vietati gli assembramenti, anche di bambini
  • è vietato fare feste e pic-nic
  • non è consentito stare nell’erba e sui prati se non per effettuare esercizi sportivi individuali o per brevi soste di riposo dall’attività sportiva, sempre e comunque mantenendo il distanziamento previsto
  • in caso di sovraffollamento di una o più aree di un parco o area verde, l'autorità di Pubblica Sicurezza potrà intervenire per disperdere la folla ed eventualmente per inibire temporaneamente l'accesso all'area
  • negli impianti, centri e siti sportivi sono consentiti gli sport individuali all’aria aperta come ad esempio: golf, tiro con l’arco, atletica, equitazione, tiro a segno, vela, canoa, ciclismo, tennis, attività sportive acquatiche individuali, canottaggio, tennis, corsa, escursionismo, arrampicata sportiva, ciclismo, mountain-bike, automobilismo, motociclismo, go-kart etc., anche per lo svolgimento di lezioni individuali o per piccoli gruppi fino a un massimo di quattro persone (esclusi gli istruttori). Sono da considerare aree adibite alla pratica sportiva all’aria aperta anche le strutture fisse (es. tensostrutture) aperte completamente sui lati, con porte e teloni scorrevoli
  • oltre all’accesso alle aree adibite alla pratica sportiva all’aria aperta è consentito solo l’accesso ai servizi igienici e alle aree di transito. Non possono essere utilizzati spazi e servizi accessori, come spogliatoi e docce. I gestori dovranno garantire la corretta e costante sanificazione e igienizzazione degli ambienti al chiuso e dei servizi igienici, limitare gli ingressi, organizzare percorsi idonei e adottare tutte le misure utili per assicurare il distanziamento sociale e il divieto di assembramento (ad esempio tramite prenotazione online o telefonica degli spazi, turnazioni, gestione degli accessi al sito sportivo e dei percorsi degli utenti). 

  • Dal 1° giugno sono consentite anche le attività di piscine e palestre nel rispetto delle specifiche indicazioni per tali attività. MilanoSport  riaprirà 5 piscine: Saini, Procida, Cozzi, Murat e Carella Cantù

  • sono  consentiti sia il volo che la navigazione da diporto.

  • in idonee aree attrezzate (quali ZAC, centri cinofili e maneggi) o in aree all'aperto (es. boschi e parchi) è consentita l’attività di allenamento e di addestramento di cani e cavalli e altre specie animali in zone ed aree specificamente attrezzate, in forma individuale da parte dei proprietari degli animali, assicurando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro. L'attività di allenamento e addestramento è consentita anche da parte di istruttori e soggetti che hanno gli animali in affido e che operano per conto dei proprietari dei singoli animali.

Qui di seguito i link al DPCM del 17 maggio 2020  e  all’ordinanza n. 547 della Regione Lombardia che integra le misure previste nel DPCM e all'ordinanza n. 555 della Regione Lombardia che integra le misure approvate dal DPCM del 17 maggio 2020. 

 

 

Cerca il parco più vicino

Sul sito del Comune di Milano è disponibile la mappa di tutti i parchi e giardini in città.

Lasciati ispirare dagli allenamenti online

Se vuoi allenarti a casa o all’aria aperta in compagnia dei migliori coach, puoi utilizzare i tanti video disponibili in rete, dove puoi trovare anche giochi di movimento per bambini. Te ne proponiamo alcuni:

 

 

Dello stesso tema

 / 
Tutti +