L'inverno è il momento ideale per visitare mostre organizzate in città o per regalare per le feste un pezzo di cultura a chi vuoi bene. Qui puoi trovare i nostri suggerimenti per questa stagione. Se invece vuoi conoscere cosa c'è in programma per l'anno prossimo, qui puoi trovare le anticipazioni del 2022.

 

Ricorda che è necessario presentare il Green Pass all'ingresso, e spesso la prenotazione è consigliata. Controlla i siti ufficiali delle mostre per conoscere le indicazioni dettagliate per la visita.

Qui le disposizioni aggiornate per le vie del centro di Milano durante le Feste; fino al 31 dicembre sarà obbligatoria la mascherina anche all’aperto, lungo l’asse tra piazza San Babila e piazza Castello.

1. Realismo Magico a Palazzo Reale

Dal 19 ottobre 2021 al 27 febbraio 2022

 

Negli anni Venti e Trenta del Novecento, la pittura italiana è stata attraversata da una corrente nuova: il Realismo Magico. Questa nuova tendenza voleva riportare sulla tela l'inquietudine che la società stava provando nel periodo tra le due guerre.

 

Gli artisti che si cimentarono in questo periodo furono Giorgio de Chirico, Carlo Carrà, Gino Severini, Felice Casorati, Achille Funi e Piero Marussig, che proclamano la necessità del recupero dei valori plastici dell’arte del passato. 

 

Un movimento tutto da scoprire a Palazzo Reale.

2. Claude Monet illumina Palazzo Reale

Dal 18 settembre 2021 al 30 gennaio 2022

 

Claude Monet. Opere dal Musée Marmottan Monet di Parigi è sicuramente una delle mostre più amate di questo inverno. 

 

Il Musée Marmottan Monet detiene la più ampia collezione di opere dell'artista, da cui sono stati selezionati 53 dipinti tra cui le sue Ninfee (1916-1919), Il Parlamento. Riflessi sul Tamigi (1905) e Le rose (1925-1926), la sua ultima e magica opera. Un'occasione unica per ammirare e approfondire il tema della riflessione della luce e dei suoi mutamenti nell’opera del padre dell’Impressionismo. 

 

Il percorso cronologico della mostra presenta l’intera parabola artistica di Monet, letta attraverso le opere che l’artista stesso considerava fondamentali, private, tanto da custodirle gelosamente nella sua abitazione di Giverny; opere che lui stesso non volle mai vendere e che ci raccontano le più grandi emozioni legate al suo genio artistico.

3. Piet Mondrian al Mudec

Dal 24 novembre 2021 al 27 marzo 2022

 

La mostra al Mudec - Museo delle Culture Piet Mondrian. Dalla figurazione all'astrazione, la prima monografica dedicata a Milano a Piet Mondrian, ne rivela un aspetto poco noto: la pittura di paesaggio.

 

Illustrando il passaggio del maestro olandese dalla fase figurativa all’astrattismo e mettendo in campo confronti con gli artisti della Scuola dell’Aia, la mostra, realizzata in collaborazione col Kunstmuseum dell’Aia, è un invito a scoprire un “altro” Mondrian e a riscoprirne i capolavori.

4. Wildlife photographer of the year a Palazzo Turati

Dal 1 ottobre al 31 dicembre 2021

Palazzo Francesco Turati, Via Meravigli 7

 

Torna a Milano il Wildlife Photographer of the Year, la mostra di fotografie naturalistiche più prestigiosa al mondo.

 

Accanto alla foto vincitrice di quest'anno, The Embrace, che ritrae una tigre siberiana, specie in via d’estinzione, che abbraccia un antico abete della Manciuria (ci sono voluti oltre undici mesi per riuscire ad immortalare questo scatto), e la vincitrice per la categoria Young, cioè The Fox That Got the Goose, scattata in una delle isole di Helsinki, che raffigura una giovane volpe rossa che difende ferocemente i resti di un’oca dai suoi cinque fratelli rivali, in mostra tutti gli scatti finalisti, divisi per categoria.

 

Il concorso di fotografia è indetto ogni anno dal Natural History Museumdi Londra, e ha visto in competizione 45.000 scatti provenienti da 95 paesi, realizzati da fotografi professionisti e non.

 

Una mostra che è un inno all'arte fotografica, ma anche alla natura stessa.

 

Consigliata la prenotazione nei weekend e festivi.

5. Aura - The immersive light experience alla Fabbrica del Vapore

Dal 29 ottobre 2021 al 9 gennaio 2022

 

Luce, colore, esperienza interattiva: questo descrive la mostra Aura - The immersive light experience alla Fabbrica del Vapore

 

AURA trasforma lo spettatore in attore di un colossale, magico spettacolo creativo in cui l’aura di ciascuno interagisce con quella di chi gli è vicino, rendendo percettibile a tutti, attraverso sofisticatissime tecnologie, il concetto orientale dell’aura che circonda tutti i corpi.

 

Ogni visitatore creerà una sua storia tra luci, proiezioni e spazio, emozioni, sorprese e stravolgimenti in un ambiente simile a un universo parallelo. A trasformare la luce in un’esperienza artistica immersiva hanno collaborato i più importanti light designer, creative director, compositori e sound designer al mondo.

 

Scopri la tua aura e il tuo effetto sul mondo quest'inverno a Milano.

6. IllusiOcean all’Università di Milano-Bicocca

Fino al 31 gennaio 2022

 

Una mostra per conoscere di più gli oceani ma anche per fluttuare nel profondo blu: è IllusiOcean all’Università di Milano-Bicocca (Piazza della Scienza 1).

 

L'esposizione è nata per sensibilizzare sull'importanza di raggiungere gli obiettivi fissati dalle Nazioni Unite per il decennio delle scienze oceaniche per lo sviluppo sostenibile (2021-2030), ma questo non significa escludere il divertimento... anzi, il contrario!

 

Nella parte dedicata alla "Realtà Virtuale", grazie ai visori 3D esplora le meraviglie dei reef e scopri l'attività di coral restoration, e poi osserva un geyser sottomarino. 

Nel "Sottomarino delle illusioni" immergiti tra i fondali delle Maldive, nella "Stanza degli specchi" immergiti tra i banchi di meduse, che fluttuano sospinte dalle correnti.

 

La stanza "Mare sotto i Riflettori, il cinema racconta gli oceani" nasce da una collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino. Qui puoi vivere una nuova esperienza interattiva per conoscere tutta la magia del cinema sottomarino, attraverso filmati, oggetti e curiosità uniche. 

 

Nel "Labirinto dei segreti marini" i bambini dai tre a cinque anni possono divertirsi a cercarli perdendosi tra le pareti di questa stanza speciale.

 

Ma non è finita qui... non resta che andare alla mostra per scoprire ancora di più!

 

Mostra gratuita. Aperta venerdì e due sabati al mese. Prenotazione obbligatoria.

7. Wonder Woman. Il mito a Palazzo Morando

Dal 17 novembre 2021 al 20 marzo 2022

 

Se dicessi Principessa Diana di Themyscira, chi ti viene in mente? E se ti dicessi Diana Prince? Se ancora non hai capito, ecco qui la soluzione: sto parlando di Wonder Woman, la supereroina della Dc Comics. 

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine ospita la mostra WONDER WOMAN. Il mito, che celebra l’ottantesimo anniversario dell’eroina-pioniera, uno dei personaggi più iconici di sempre. 

 

Esposti nelle sale non solo tavole e fumetti originali, ma anche i costumi di scena dei film Warner Bros. Pictures “Wonder Woman” (2017) e “Wonder Woman 1984” (2020), e i più iconici oggetti usati sul set dei film tra cui gli scudi, le spade, archi e frecce usate dalla protagonista.

 

Non mancano videoanimazioni, proiezioni e spezzoni di film e telefilm per raccontare ai fan e a chi ancora non la conosce la leggendaria Wonder Woman.

 

Pronto a lasciarti avvolgere dal lazo della verità?

8. Raymond Depardon. La vita moderna in Triennale

Fino al 10 aprile 2022

 

Largo ad uno dei fotografi francesi più importanti al mondo in TriennaleRaymond Depardon. La vita moderna porta in città i suoi scatti per scoprire o approfondire la ricerca e l’opera di un autore che, dagli anni Settanta a oggi, ha osservato e restituito con sguardo lucido fatti di storia e vicende umane.

 

Fondatore dell'Agenzia Gamma, fotografo membro della Magnum, regista, si presenta in questa mostra con scatti dalle comunità rurali francesi alle periferie urbane di Glasgow, dalla vita nella New York degli anni Ottanta agli ospedali psichiatrici in alcune città italiane negli anni Settanta.

 

Uno spaccato sulla vita moderna, come dice il titolo, vista da uno dei grandi del nostro tempo.

9. Divisionismo. 2 Collezioni alla GAM - Galleria d'Arte Moderna

Dal 19 novembre 2021 al 6 marzo 2022

 

Il movimento del Divisionismo gioca sulla resa sulla tela con pennellate piccole, spesso puntiformi, che da lontano vanno a comporre un'immagine sfaccettata e sorprendente.

Questa mostra si inserisce nell’ambito di una serie di iniziative dedicate all’approfondimento di quattro tematiche: luce, materia, spazio e suono, volte a dimostrare l’importanza degli artisti presenti nelle collezioni di GAM nell’ambito di alcuni snodi cruciali dell’evoluzione artistica otto e novecentesca.

 

Questo primo appuntamento è dedicato al tema della luce, indagato attraverso alcuni capolavori divisionisti del museo messi a confronto con opere provenienti dalla raccolta della Pinacoteca della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

 

Da Umberto Boccioni agli altri artisti in mostra, un'occasione per esplorare di nuovo uno dei musei più belli della città.

10. I capolavori a Palazzo Marino e Museo Diocesano per Natale

PALAZZO MARINO

 

Ritorna anche quest’anno il capolavoro esposto gratuitamente a Palazzo Marino, amatissimo appuntamento senza cui non si può dire che sia Natale a Milano.

 

Ogni anno migliaia di milanesi e turisti hanno l'opportunità di ammirare un capolavoro proveniente da altre città ospitato nella suggestiva Sala Alessi del palazzo sede del Comune, accompagnati da guide che illustrano la magia dell'arte.

 

A breve sarà svelato il capolavoro per il Natale 2021... non mancare!

 

MUSEO DIOCESANO

Dal 6 novembre 2021 al 6 febbraio 2022

 

Conosciamo già l'opera prestata al Museo Diocesano per Natale: è l'Annunciazione di Tiziano, proveniente dal Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli. 

La grande tela (280x193 cm) è esposta dal 6 novembre 2021 al 6 febbraio 2022, ed è una delle più belle opere del Tiziano maturo.

Ma il Natale al Diocesano non si ferma qui: sarà in esposizione anche dal 24 novembre 2021 al 6 febbraio 2022 il Presepe Londonio, composto da circa 60 personaggi, dipinti su carta o cartoncino sagomati, che costituivano almeno tre nuclei di “presepi di carta” distinti del XVIII secolo

Per finire, per celebrare i 20 anni del Museo, Orticanoodles ha dipinto un murale sulla parete esterna del museo, lungo il lato che si affaccia su Parco delle Basiliche e su Corso di Porta Ticinese, intitolato ICONS. Un murale partecipato al Museo. Vi sono raffigurati santi legati alla storia della città inframmezzati da alcuni dei capolavori della collezione permanente del museo.

 

Non può mancare una tappa al Diocesano in questo inverno milanese!