Molte sono le tradizioni legate ai festeggiamenti del Natale: alcune religiose, altre laiche, nate in epoche diverse e differenti da Paese a Paese.

Ma scopriamo insieme le tradizioni, le pratiche ed i simboli del Natale a Milano.

La tradizione di Sant’Ambrogio

Il 7 dicembre, festa di Sant’Ambrogio, rappresenta tradizionalmente per i milanesi l’inizio del periodo di Natale ed è il giorno in cui in ogni casa viene addobbato l’albero e si assaggia la prima fetta di panettone.

La festa del Patrono della città è il giorno scelto anche per la Prima rappresentazione della stagione musicale del Teatro alla Scala, evento di musica, cultura e mondanità conosciuto in tutto il mondo e per la consegna degli “Ambrogini d’oro”, attestati di benemerenza civica che il Comune assegna ai cittadini di nascita o di adozione milanese che si sono distinti per il loro impegno negli ambiti più diversi, dallo sport alla cultura, dalla ricerca scientifica all’impegno sociale.

Per sapere quali siano gli eventi di Sant’Ambrogio e della Festa dell’Immacolata ti rinviamo allo speciale

La Fiera degli “Oh Bej! Oh Bej!”

Da domenica 5 a mercoledì 8 dicembre 2021 al Castello Sforzesco.

E’ il mercatino natalizio più importante di Milano, e certamente il più famoso e caratteristico. La tradizione vuole che “Oh Bej! Oh Bej!” fosse il grido lanciato dai bambini della città alla vista dei prodotti esposti, che vanno dai giocattoli all’oggettistica, dalle caldarroste ai dolci o al vin brulè.

Concerto di Natale in Duomo

15 dicembre alle ore 20:30.

Una tradizione e un appuntamento da non perdere del Natale a Milano è il Concerto di Natale offerto alla città da Veneranda Fabbrica del Duomo e Comune di Milano.

Quest’anno protagonista dell’evento sarà laBarocca, l’ensemble specializzato in musica sei-settecentesca dell’Orchestra Verdi diretto dal Maestro Ruben Jais, affiancato dall’ensemble vocale diretto dal Maestro Jacopo Facchini.

Il programma musicale prevede Dixit Dominus di Georg Friedrich Händel e Magnificat di Johann Sebastian Bach.

Nell’osservanza delle norme sanitarie attualmente vigenti, l’ingresso al concerto in Duomo sarà libero fino a esaurimento posti, previa prenotazione obbligatoria a partire dal giorno 10 dicembre sul sito ufficiale.

Si segnala che la capienza sarà estremamente ridotta (circa 500 spettatori) e l’accesso, consentito a partire dalle ore 19.45, prevede l’obbligo di Green Pass rafforzato.

Al fine di agevolare i controlli di sicurezza ai varchi, si invitano gli spettatori a svuotare le tasche da oggetti metallici. Si informa che non è possibile accedere in Cattedrale con caschi, oggetti di vetro e valigie. Si sconsiglia di portare all’interno della Cattedrale borse voluminose.

La tradizione dell’albero e delle luci di Natale

L’albero di Natale, insieme al presepe, è una delle più diffuse tradizioni natalizie. Gli addobbi luminosi dell’albero, così come tutte le altre luci di Natale, simboleggiano il ritorno della luce, la vittoria della luce sulle tenebre.

Ad accendere la magia del Natale quest’anno contribuirà lo spettacolo degli alberi di Natale di Piazza Duomo, piazza della Scala, piazza San Carlo, piazza San Fedele, piazza Cordusio, piazza Ventiquattro Maggio e piazza Tre Torri: sono questi gli angoli della città che ospiteranno la seconda edizione del Natale degli Alberi.

Ma la città sarà illuminata a festa dal centro alla periferia con 30 km di luminarie in 200 vie.

La tradizione del presepe

La tradizione del presepe ha origini antiche che risalgono al 1223 nel paese di Greccio, nel Lazio, dove San Francesco realizzò la prima rappresentazione vivente della Natività.

La tradizione si è diffusa poi in tutto il mondo come testimonia anche la mostra dei presepi etnici, allestita quest’anno a Palazzo Lombardia. Ma vediamo dove è possibile ammirare i presepi a Milano, oltre ovviamente a quelli allestiti nelle chiese.

Presepe di Carta di Londonio

Dal 25 novembre 2021 al 6 febbraio 2022 - Museo diocesano di Milano.

Il Museo Diocesano di Milano presenta uno dei capolavori d’arte sacra del XVIII secolo milanese.

Il “presepe del Gernetto” di Francesco Londonio deve il nome alla sua provenienza (villa del Gernetto a Lesmo in Brianza). In origine il presepe era allestito solo nel periodo natalizio e occupava un intero salone della villa.

E’ costituito da un gruppo di circa sessanta figure, tra le quali la Sacra Famiglia con i re Magi, alcuni pastori, paggi, fanciulli, contadini, ma anche animali, talvolta inseriti in vere e proprie quinte sceniche, dipinte a tempera su carta e cartoncino sagomati.

Mostra di presepi etnici da tutti i Continenti

Dal 2 dicembre 2021 al 9 gennaio 2022 - Palazzo Lombardia.

Nel Palazzo della Regione Lombardia una mostra di presepi etnici da tutti i Continenti.

Cinque Presepi saranno collocati ad ogni ingresso e poi un Presepe particolarmente scenografico sarà allestito sul piano dove ha sede l’ufficio del Governatore.

Nell’ala dedicata alle rassegne IsolaSET – Spazio Esposizioni Temporanee – Piazza Città di Lombardia ingresso N2, si potranno ammirare 20 diversi raffigurazioni e 14 vetrinette contenenti piccoli Presepi, anch’essi provenienti da varie parti del mondo.

La mostra è accessibile a tutti e sarà visitabile fino a domenica 9 gennaio, dal lunedì al venerdì, dalle 11 alle 19.

 

La tradizione del panettone e di San Biagio

Nato a Milano, è diventato ormai simbolo del Natale in tutta Italia: non esiste tavola in cui non sia presente durante le festività, dall’Immacolata all’Epifania.

Se vuoi conoscerne gli ingredienti, le leggende sulla sua nascita e alcune curiosità, ti invitiamo a leggere l’articolo I piatti tipici di Milano: Panettone il dolce natalizio

La tradizione prevede di tagliare il panettone e di metterne da parte una fetta fino 3 di febbraio, festa di San Biagio protettore dei malanni della gola, quando verrà mangiata accompagnata dalla formula: "San Biàs el benedis la gola e èl nas", ovvero “San Biagio benedice la gola e il naso”.

Il corteo dei re Magi

Come ogni anno, il 6 Gennaio si svolge a Milano il caratteristico Corteo dei Re Magi, evento molto atteso da tutti i cittadini.

Una tradizione che risale addirittura al 1336 e che oggi rivive grazie all’Associazione Amici dei Magi di Sant’Eustorgio.

La sfilata, con i tre Re Magi e tanti altri personaggi abbigliati in costume storico, parte da Piazza Duomo e si conclude alla Basilica di Sant’Eustorgio, dove i Magi offrono i loro doni ai protagonisti della Sacra Famiglia. Il Corteo negli anni è diventato molto più di un evento religioso, trasformandosi in occasione per riscoprire il senso civico e lo spirito di comunità tra i milanesi.