Tre quartieri per conoscere la comunità LGBTQ+

Un itinerario in collaborazione con Gayly Planet

Ogni quartiere di Milano è unico e, ognuno con la sua storia, racconta qualcosa della città. Fra questi quartieri ce ne sono alcuni che con la comunità LGBTQ+ hanno stretto un legame molto forte. Quale? ce lo raccontano gli amici di Gayly Planet.

 

Dopo aver parlato dei luoghi cari alla storia della comunità LGBTQ+ milanese, in questo articolo vogliamo celebrare il mese dell’Orgoglio portandoti alla scoperta delle tre zone di Milano dove scoprire qualcosa in più e festeggiare insieme alla comunità LGBTQ+ milanese la Pride Week che quest’anno si svolgerà dal 18 al 27 giugno 2021. Iniziamo subito.

Stazione Centrale

Stazione Centrale è il punto in cui negli anni passati partiva la bellissima parata del Milano Pride. Per anni Centrale è stata, a cavallo fra dagli anni Ottanta ai primi del Duemila, la zona più frequentata dalla comunità LGBTQ+ milanese. 

 

Via Sammartini, nel 1993 fu la prima strada a Milano a dichiararsi “gay street” e qui era facile incontrare altri membri della comunità fra i tanti bar, locali notturni, club privati e ristoranti. Qui era anche presente la storica libreria Babele, oggi non più aperta, che per tanti anni è stato un luogo di cultura per tutta la comunità.

 

Quella di Stazione Centrale oggi è una realtà un po’ defilata rispetto ad altre zone della città, ma ci sono diversi locali dove fare serata e vale sicuramente la pena trascorrere qui la serata per conoscere alcune realtà storiche della Milano LGBTQ-friendly. 

Porta Venezia

Porta Venezia oggi è il luogo migliore per conoscere la comunità LGBTQ+ milanese più da vicino. A dare il benvenuto al quartiere troverai la grande bandiera arcobaleno della banchina della metropolitana, ma è subito fuori la metro che troverai il centro della movida. I bar di Via Lecco e delle viette intorno sono i luoghi perfetti per un cocktail con gli amici, per trovarne di nuovi oppure assistere a presentazioni di libri e incontri su diversi temi che riguardano la comunità.

 

Tutto il quartiere è molto amato, Piazza Santa Francesca Romana insieme a Piazza Lavater quest’anno ospiteranno la Pride Square e sono tanti i bar della zona  e gli esercizi commerciali che sventolano la bandiera arcobaleno 365 giorni l’anno.

NoLo

Se parliamo di quartieri migliori per conoscere la comunità LGBTQ+ non possiamo non nominare NoLo. Si tratta di uno dei quartieri più vibranti degli ultimi anni, appena a nord di Loreto dove tra graffiti e panchine arcobaleno la comunità LGBTQ+ trova sempre più luoghi di aggregazione. 

 

La zona migliore per uscire la sera è intorno Piazza Morbegno, mentre se sei appassionato di street art ti consigliamo una passeggiata in Via Pontano dove fra i tanti artisti potrai trovare anche i famosi Omini Rosa di Aluà, da sempre simbolo di amore universale fra persone.

Dello stesso tema

 /