Valuta e pagamenti

La moneta attualmente in circolazione è l’Euro. 

Per conoscere i valori dei cambi giornalieri visitate il sito https://tassidicambio.bancaditalia.it/

 

Cambio moneta

Si può effettuare il cambio valuta presso:

  • uffici di cambio;
  • aeroporti;
  • alberghi;
  • banche.

 

Sportello Bancomat

All'interno o all'esterno delle sedi bancarie si possono trovare gli sportelli automatici di prelevamento automatico del denaro con carta Bancomat o con Carta di Credito. Nel centro, alcune filiali sono dotate inoltre di sportelli automatici di cambio valuta. Gli sportelli automatici funzionano in genere 24 ore su 24.

 

Banche

Le banche sono aperte, generalmente, dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 14:00. L’orario di apertura pomeridiana varia a seconda delle singole banche ma, in generale è compreso tra le 14:45 e le 15:45. Qualcuno effettua orario continuato 8:00-16:00 e/o apertura straordinaria il sabato. I negozi offrono, nella quasi totalità dei casi, la possibilità di pagare con carta di credito eccetto alcuni piccoli negozi di alimentari, le botteghe artigiane e le bancarelle nei mercatini.
In caso di furto o smarrimento accidentale del bancomat o della carta di credito rivolgersi alla propria agenzia telefonando subito al numero verde del circuito bancomat 800822056 se si tratta di carta bancomat, o al numero verde del servizio clienti del circuito-carta (Carta Sì – BankAmericard ecc…) se si tratta di carte di credito. Se la carta di credito è abilitata anche alle funzioni bancomat e pagobancomat è necessario, in caso di furto o smarrimento, procedere alla chiamata di entrambi i numeri verdi: quindi due blocchi! In genere tali servizi sono attivi 24 ore su 24. Attenzione: sia per il circuito bancomat che per quello delle carte di credito esistono numeri verdi validi solo per chi chiama dall’Italia e numeri verdi validi solo per chi chiama dall’estero.

 

Tax free

Al momento della cessione il negoziante italiano può riconoscere all'acquirente, residente o domiciliato fuori dell'Unione europea, o lo sgravio diretto dell'IVA inclusa nel prezzo di vendita dei beni o il rimborso successivo dell'IVA stessa.

Il beneficio può essere riconosciuto alle seguenti condizioni:

  • l'acquirente straniero deve essere residente o domiciliato fuori dell'Unione europea;
  • la merce deve essere destinata all'uso personale o familiare e deve essere trasportata nei bagagli personali;
  • il valore complessivo dei beni acquistati deve essere superiore a 154,94 Euro (IVA inclusa); l'acquisto deve risultare da un documento commerciale denominato fattura, nel quale deve essere descritta la merce e devono essere indicati i dati anagrafici del viaggiatore stesso e gli estremi del suo passaporto o di un altro documento equipollente;
  • la merce deve essere trasportata fuori del territorio dell'Unione europea entro tre mesi dalla fine di quello in cui è stata acquistata;
  • la fattura deve essere restituita al venditore italiano entro quattro mesi dalla fine di quello in cui è stato effettuato l'acquisto.

La merce acquistata e la relativa fattura devono essere contemporaneamente esibite all'Ufficio doganale di uscita dal territorio dell'UE. E' bene ricordare che la merce deve essere sempre esibita all'Ufficio doganale: se il viaggiatore intende introdurla nei bagagli affidati al vettore aereo, deve recarsi alla Dogana prima di effettuare le operazioni di check-in.
Il viaggiatore deve rispedire al venditore italiano l'originale della fattura regolarmente vistata dall'Ufficio doganale entro quattro mesi dalla fine di quello in cui tale documento è stato emesso, concludendo in tal modo una procedura che gli ha consentito di beneficiare, sin dall'inizio, dell'esenzione dal pagamento dell'IVA.