Baggio, che fino al 1923 era comune a sé stante, si presenta come una protuberanza a ovest di Milano. E' quindi un quartiere periferico che resta non facile da raggiungere (il modo più veloce è andare a Bisceglie e prendere un autobus), ma che regala tesori artistici inaspettati e aree verdi molto vaste, e soprattutto mette in mostra una vitalità della società civile che ha pochi eguali nel territorio milanese.

Quartiere popolare, caratterizzato dall’immigrazione dal Mezzogiorno fino agli anni '70 e poi da ondate migratorie dal Maghreb e dai Balcani, è un antico insediamento che risale all’epoca longobarda e presenta chiese e corti, circoli e caffè, librerie e parchi. 

Deve la sua fortuna ad Anselmo da Baggio, che divenne papa con il nome di Alessandro II nel 1061, entrando presto in conflitto con l’Impero.

Fino alla metà del '900, il quartiere era noto per i tantissimi negozi e depositi di bici, utili ai tanti pendolari che arrivavano a prendere la tramvia a vapore detta in meneghino il "Gamb de Legn".

Quasi in ogni via del quartiere è possibile ammirare delle belle maioliche dipinte, che illustrano momenti della storia di Baggio e i personaggi che l'hanno reso famoso.

 

COME ARRIVARCI

Autobus: 58, 63, 67, 76

 

LA PIAZZA DEI LOCALS

Il cuore intellettuale e sociale del quartiere è il quadrato di vie intorno al Parco di Baggio dove sorge la Biblioteca Comunale, una delle più grandi, attive e frequentate di Milano.

Nelle vie attorno al Parco il viavai dei frequentatori della biblioteca si mescola con i viandanti e gli avventori e le avventrici delle tante trattorie dove si ride e si canta la sera con sguaiata felicità. Il parco e le vie acciottolate del centro storico ospitano ogni ottobre la Sagra di Baggio, in attività sin dal ‘600.

Il ganglio nervoso del quartiere è via Pistoia allorché si congiunge con via Ceriani e via 2 giugno, dove c'è la piazzetta detta del Murunasc (l'albero dei Moroni, il gelso). Ne è stato ripiantato uno negli scorsi anni quando la piazzetta è stata risistemata e resa pedonale. Fa ombra a chi si siede sulla panchina a conversare ed è in prossimità della libreria Linea di Confine, molto attiva in quartiere. In via 2 giugno ha sede Dimensioni diverse, storica associazione baggese che fa un importante lavoro di inclusione sociale, con la scuola di italiano destinati alle e ai migranti appena giunti a Milano.
 

PERCHE’ ANDARCI

La Chiesa Vecchia è uno dei principali monumenti della città. Costruita nell’anno 1000 e dedicata a Sant’Apollinare, quindi ricostruita nel 1875, si trova nel centro di Baggio, in via Ceriani accanto a El Palaziett, l’abitazione storica dei feudatari di Baggio.

Tra i tesori presenti nel quartiere, anche se in stato d'abbandono, c'è l'Istituto Marchiondi, capolavoro brutalista, il cui plastico è conservato al MoMa di New York.

Il Parco delle Cave è un grandissimo parco con boschi e ampi specchi d’acqua, dove prospera una biodiversità preziosa, con due cascine, la Caldera e la Linterno, dove fare la spesa a km 0 nel weekend.

La Puccia di Baggio, da non confondersi con quella pugliese, è tipica e unica nel suo genere e si trova solo qui.

 

 

FORSE NON TUTTI SANNO CHE...

Il popolare rapper Ghali è nato e risiede a Baggio, che fa da sfondo a diversi dei suoi primi videoclip.

L'architettura da vedere: Istituto Marchiondi Spagliardi

In collaborazione con la Fondazione dell'Ordine degli Architetti P.P.C. di Milano.

Anno: 1953 - 1958
Progettista: Vittoriano Viganò

 

L’Istituto educativo Marchiondi Spagliardi era adibito a ospitare “ragazzi difficili” senza famiglia o disagiati. Andato distrutto durante la seconda guerra mondiale, fu ricostruito su progetto innovativo di Vittoriano Viganò che, contrario alla logica di reclusione, realizza un edificio dagli ampi spazi aperti verso l’esterno. Caratterizzato dalla scansione chiara e modulata dei suoi elementi strutturali a vista, l’edificio è considerato un capolavoro dell'architettura brutalista, tuttavia si trova oggi in stato di grave abbandono.

Gli eventi del mese di maggio

La Primavera di Milano sboccia a Baggio.

Stagione concertistica.

Tutti i sabato del mese, ore 18:00
Presso: Chiesa Vecchia di Baggio

Torna la mini-stagione concertistica ideata dai pianisti Davide Cabassi e Tatiana Larionova e pensata appositamente per il quartiere di Zona 7.
I concerti si svolgono nella Chiesa Vecchia di Baggio (Via Ceriani 3) e questa stagione sarà necessariamente una stagione molto speciale, “fatta in casa”.
Suoneranno i componenti del comitato artistico di Primavera di Baggio (Alberto Chines, Tatiana Larionova e Davide Cabassi).  

 

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoriainfo@primaveradibaggio.it

 

Sabato 8 maggio ore 18:00

“Il nostro pianoforte, Il nostro Harmonium”
Emanuele Delucchi, Tatiana Larionova, Volha Karmyzava, Alberto Chines, Davide Cabassi
Musica di: Rossini, Franck, Saint – Saëns

 

Sabato 15 maggio ore 18:00

Alberto Chines – pianoforte

Musica di: Sciarrino, Schubert

 

Sabato 22 maggio ore 18:00

Tatiana Larionova – pianoforte

Musica di: Chopin

 

Sabato 29 maggio ore 18:00

Emma Guercio, Federico Medaglia Schönfeld, Antonio Alessandri - pianoforte

Musica di: Clementi, Franck, Liszt

 

Sabato 5 giugno ore 18:00

Davide Cabassi

Musica di: Crumb, Castiglioni, Adès, Schumann

 

L'Orto delle Arti Baggesi

Brunch musicali e solidali

Brunch + concerto
Tutte le domeniche del mese, ore 10:30 - 14:30
Presso: Al Baggese, via Masaniello 12

Durante tutto il mese "Al Baggese" proporrà dei brunch con concerto il cui ricavato verrà devoluto a sovvenzione dei gruppi musicali che intratterranno il quartiere.

Prenotazione raccomandata -  telefonare al 333 9836412

 

Domenica 9 maggio
Ginger bender - duo chitarra voce con influenze poliedriche

 

Domenica 16 maggio
Pachuco Band - Tex-Mex band che evoca le atmosfere dei fil di Tarantino

 

Domenica 23 maggio 
Descarga lab - Atmosfere jazz con influenze cubane e mediterranee 

 

Domenica 30 maggio
Cecilia Stallone trio - Interpretazioni e canzoni della cantante e cantautrice Cecilia Stallone

 

Mostra Fotografica: Baggio negli Occhi

Brunch di inaugurazione, incontro con l'autrice Daniela Cavallo: 16 Maggio ore 11:30
"Al Baggese" - Via Masaniello 12 - prenotazione consigliata tel 333 9836412

Mostra diffusa: un percorso nel quartiere dalla Biblioteca (presso Al Baggese, Via Masaniello 12), alla chiesa vecchia (presso Il Balzo, via Ceriani 14), al cuore del centro storico (presso Carta da Zucchero, via Ceriani 13), ammirando le fotografie dell'artista Daniela Cavallo, per raccontare a tutta la comunità metropolitana il quartiere attraverso uno sguardo pittorico che genera immagini del Parco delle Cave e delle persone di Baggio

 

Riapertura Biblioteca 

Sabato 15 maggio ore 10:00

Con la rete di associazioni BOB - Baggio Open Biblio, partecipa alla riapertura della Biblioteca di quartiere con la messa in opera di alcune fioriere finanziate da crowdfunding, nel giardino antistante.

A cura di BOBbibliobaggio

Scopri il quartiere con Dolores

Dolores gestisce un bar low waste nel cuore di Baggio: scoprilo con lei, proprio come un vero local!