Milano riparte!

 

In queste belle giornate primaverili una passeggiata a piedi fra le meraviglie artistiche e architettoniche del centro città può essere l’idea giusta per godere a pieno e in sicurezza della bellezza nascosta di Milano.

 

Ecco un elenco di piccoli capolavori da scoprire nel centro storico di Milano!

Chiesa di Santa Maria presso San Satiro

Nei pressi del Duomo, fra i tanti negozi presenti in via Torino, è nascosta questa chiesa, che contiene delle opere davvero sbalorditive, su tutti il “finto coro” realizzato da Bramante, un’illusione prospettica che simula una profondità inesistente.

Fino a che non vi avvicinerete, non sarà facile infatti capire che la chiesa non ha la profondità che si potrebbe pensare appena entrati.

Casa degli Omenoni

La costruzione di questo bellissimo palazzo, uno dei più belli di Milano, si deve allo scultore aretino Leone Leoni.

Questo grande artista cinquecentesco fu scultore imperiale al servizio di Carlo V d'Asburgo e Filippo II di Spagna e nel 1542 fu nominato scultore della Zecca di Milano.

Nel 1549 l’artista acquistò la proprietà, e nel successivo 1565 avviò la ristrutturazione dell’edificio impreziosendolo di grandi sculture e facendone l'abitazione propria e del figlio.

La famiglia Leoni fu un punto di riferimento per l’arte milanese del XVI secolo, entrambi inoltre furono celebri collezionisti e mercanti d'arte e radunarono all'interno della casa una importante collezione d’arte.

Alcune di queste opere, come per esempio il Codice Atlantico di Leonardo, confluirono poi alla Pinacoteca Ambrosiana.

Chiesa di San Giorgio al Palazzo

Sempre in Via Torino questa chiesa custodisce al suo interno il capolavoro artistico del grande Bernardino Luini l’allievo prediletto di Leonardo Da Vinci a Milano. Resterete incantanti dagli accostamenti cromatici arditi, a colori vivaci, di questa serie di dipinti su pala raffiguranti la passione di Cristo.

L.O.V.E.

L.O.V.E. (acronimo di «libertà, odio, vendetta, eternità), nota anche come "Il Dito", è una scultura alta 4 metri e 60 (che diventano 11 complessivi comprendendo il basamento) in marmo di Carrara, del famoso artista contemporaneo Maurizio Cattelan.

L'opera è stata posta al centro di piazza Affari, la sede della Borsa milanese.

 

La scultura è diventata celebre per la sua ironia e per il contrasto con il luogo in cui è collocata. L’opera raffigura infatti una mano intenta nel saluto romano ma con tutte le dita mozzate, o a seconda delle interpretazioni, consumate, eccetto il dito medio.

Chiesa di San Bernardino alle Ossa e l’Ossario

A pochi passi dal Duomo è una delle attrazioni più curiose di Milano. Costruita vicino all’Ospedale del Brolo dedicato un tempo alla cura dei lebbrosi, ormai distrutto.

Nel 1750 venne edificata la grande chiesa in stile barocco e rococò, che dall’esterno sembra essere un elegante palazzo signorile settecentesco.

Uno stretto corridoio alla destra dell’ingresso permette di accedere a un piccolo ambiente a pianta quadrata dove troverete la statua della Madonna inginocchiata presso Gesù morto.

Le pareti di questa stanza sono interamente ricoperte di teschi e ossa.

La cappella ossario ha inoltre una volta affrescata da Sebastiano Ricci, uno degli artisti più importanti del 700 italiano.

Nella cappella a destra dell’unica navata invece c’è la tomba di famiglia di Cristoforo Colombo.

Itinerari dello stesso tema

 /