Appena 30 anni, un volto fresco illuminato dall’azzurro baltico degli occhi, Matilde Gioli è la millenial milanese che sta conquistando il mondo del cinema. Alle spalle ha una carriera al top, segnata già dal suo pluripremiato debutto ne “Il capitale umano” di Paolo Virzì, film vincitore del David di Donatello nel 2014, mentre davanti a sé c’è tutto il futuro per tagliare nuovi traguardi in campo artistico. Matilde è nata a Milano da un mix toscano-pugliese in una famiglia numerosa cui è molto legata, le piace cucinare, conosce bene e ama la sua città d’origine, di cui coglie lo spirito contemporaneo in perenne cambiamento. Lo stile di recitazione naturale, l’umiltà di chi è arrivata nel mondo dello spettacolo quasi per caso, il percorso di formazione che ha concluso nonostante gli impegni del suo mestiere e un grave lutto, la rendono perfetta capofila dello speciale sulle 8 donne che hanno reso grande Milano (e viceversa).

 

Ecco lo speciale identitikit di Matilde Gioli che la redazione di YesMilano ha scritto per voi.

NOME DI BATTESIMO:

Matilde Lojacono (Gioli è il cognome della madre, che usa per recitare)

FORMAZIONE:

Diploma al Liceo Classico Cesare Beccaria e Laurea in Filosofia presso l'Università Statale di Milano

IL SUO QUARTIERE:

Zona Tortona - Via Savona, il nuovo quartiere della moda, caratterizzato dalla coesistenza di palazzi storici e strutture più moderne, capace di offrire sempre nuovi spunti creativi e atmosfere liberty e bohémienne da catturare con lo sguardo. Questa è una delle zone più cool della movida soprattutto grazie ai locali graziosi e accoglienti, che catalizzano una clientela giovane e vivace durante l’orario dell’aperitivo. Una curiosità: il suo cocktail preferito è il Negroni Sbagliato, uno dei più iconici nati qui a Milano.

IL LUOGO SIMBOLO:

Matilde è una sportiva: ha fatto nuoto sincronizzato per molti anni, ha imparato ad andare a cavallo per il film “Moschettieri del Re” di Veronesi, è tifosa dell’Inter. Ama le zone verdi della città e stare all’aria aperta, usa la bicicletta e le piace camminare. Per questo i suoi luoghi preferiti sono quelli in cui il suo spirito urban green e la passione per l’acqua si incontrano, come i parchi, (in particolare i Giardini Pubblici Indro Montanelli di Porta Venezia, con l’annesso Planetario e l’area vicina ai Giardini della Guastalla), le piscine e i Navigli. Si può dire che la Milano sull’Acqua sia il suo percorso ideale, con qualche incursione nella nuova Città delineata dagli eleganti grattacieli in zona Garibaldi.

LA FRASE DA RICORDARE:

Imparo da chi è più bravo di me.

Il FILM:

Il capitale umanodi Paolo Virzì, con cui ha debuttato, che l’ha proiettata nell’Olimpo delle attrici emergenti da tenere d’occhio.

On the same theme

 / 
Tutti +